IDM Südtirol - Alto Adige

Hinteregger: «In questo momento dobbiamo rafforzare il desiderio di una vacanza in Alto Adige»

IDM avvia una campagna promozionale del settore turistico in Italia

Quando: 18/05/2020
Non è ancora definito – e dipende inoltre da molti fattori – quando il turismo in Alto Adige potrà ripartire. IDM Alto Adige però vuole rafforzare già da ora il desiderio di vacanze nel nostro territorio: attraverso l’iniziativa #quellocheamo, in corso da diverse settimane sui social media, e con un’ampia campagna promozionale sui più importanti media italiani, in cui l’Alto Adige è posizionato come meta vicina alla natura e lontana dalla folla. La campagna si basa su una rilevazione di dati di IDM. Lo scorso fine settimana gli annunci a tutta pagina sui principali quotidiani italiani hanno segnato l’inizio della campagna. Non appena ci saranno le condizioni adatte per viaggiare anche oltre confine, la campagna sarà estesa agli altri mercati principali dell’Alto Adige.
«Soprattutto in questo momento di crisi è essenziale che l’Alto Adige sia presente nella mente delle persone come meta desiderabile. È per questo motivo che da diverse settimane sui social media è in corso l’iniziativa #quellocheamo, grazie alla quale siamo rimasti in contatto costante con i nostri ospiti. L’apertura dei confini regionali in Italia è ormai imminente e speriamo che presto verranno aperti anche i confini nazionali con i nostri mercati principali del nord. Questo è il momento giusto per rafforzare nella mente delle persone il desiderio di una vacanza in Alto Adige. Appena verranno aperti i confini, questo desiderio potrà avverarsi», il direttore di IDM Erwin Hinteregger ne è sicuro.

A partire da metà aprile, su tutti i canali di IDM sono stati pubblicati post con l’hashtag #quellocheamo, che trasmettono in modo molto personale quello che è l’Alto Adige, la sua gente e il suo modo di vivere: vino, cibo, prodotti eccellenti, paesaggi meravigliosi e molto altro. I fan dell’Alto Adige nei mercati più importanti sono stati incoraggiati a raccontare cosa amano di più del nostro territorio e spiegarne il perché. In questa iniziativa sono stati coinvolti anche numerosi blogger e influencer. «Un ruolo particolarmente importante è rivestito dagli albergatori e dalle associazioni turistiche altoatesine, che abbiamo incoraggiato a partecipare. Per aiutarli a comunicare con i loro ospiti, abbiamo creato una Toolbox digitale, in cui ogni settimana mettiamo a disposizione foto, video e modelli di testo, oltre a consigli e piccoli trucchi per comunicare al meglio», dichiara Wolfgang Töchterle, direttore del dipartimento Marketing di IDM. Finora, contiamo più di 10.000 visite nella Toolbox e 50.000 contenuti sono stati scaricati per i post e i siti web. «Dall’avvio dell’iniziativa ad oggi sono stati pubblicati 3.000 post con l’hashtag #quellocheamo che hanno registrato oltre 12,5 milioni di impression sui social media. Il solo video di lancio ha raggiunto una copertura di oltre 2 milioni. Questo è forte – un grande complimento agli albergatori dell’Alto Adige, che sono coinvolti in maniera intensiva in questa iniziativa», sostiene Töchterle.

Con l’avvicinarsi del momento in cui sarà di nuovo possibile viaggiare liberamente in tutta Italia, è stato fatto un ulteriore passo in avanti nella comunicazione turistica: una campagna promozionale dell’Alto Adige che si concentra sull’attuale desiderio delle persone di muoversi liberamente e in sicurezza nella natura. La campagna presenta l’Alto Adige come luogo in cui tutto questo è possibile. «Il nostro territorio ha un chiaro valore aggiunto da offrire: non è una meta lontana e per la maggior parte degli italiani è raggiungibile con la propria auto e in sicurezza. Le condizioni dell’Alto Adige consentono di mantenere le distanze richieste e saranno adottate tutte le misure di protezione necessarie. Secondo uno studio commissionato da IDM, per il 51% degli italiani la sicurezza in loco è molto importante. E, ultimo ma non meno importante: l’Alto Adige ha tutti i presupposti per offrire una vacanza sana e rilassante. Anche questo è un grande desiderio degli italiani: secondo il sondaggio, al 47% degli italiani mancano la natura e i paesaggi», spiega Wolfgang Töchterle. Tutte queste tematiche sono espresse direttamente o indirettamente nella campagna, per andare incontro alle necessità dei potenziali ospiti dopo che l’emergenza Coronavirus sarà superata. La campagna sarà lanciata in diverse fasi: attualmente è presente sulle principali testate nazionali come Repubblica o il Corriere della Sera, oltre che su importanti media digitali e sui social media, in modo da ottenere la massima visibilità possibile. Seguiranno inserzioni su settimanali con un forte raggio d’azione come L’Espresso o Il Venerdì e su rinomati mensili come Dove o Bell’Italia, per citare solo alcuni esempi. La campagna è affiancata da un intenso lavoro stampa, il cui obiettivo principale è quello di comunicare gli elevati standard di sicurezza dell’Alto Adige.

«Anche se gli ospiti italiani in questo momento ancora non possono viaggiare, è importante posizionare l’Alto Adige come destinazione per la loro prossima vacanza. Quando il Lockdown sarà terminato sarà troppo tardi, perché tutti inizieranno a farsi pubblicità», conclude Erwin Hinteregger. «Questo vale anche per gli altri nostri mercati principali Germania, Austria e Svizzera: non appena le condizioni saranno favorevoli lanceremo anche qui delle potenti campagne promozionali».