IDM Südtirol - Alto Adige

Ecosystem Sports & Alpine Safety

Alpine.expert days

La pianificazione delle zone di pericolo è un tema più attuale che mai: gli effetti del maltempo di due settimane fa hanno dimostrato l’utilità dei piani delle zone di pericolo per gestire il dissesto idrogeologico. Per fare il punto della situazione a dieci anni dall’entrata in vigore della normativa provinciale, l’Ecosystem Sports & Alpine Safety di IDM Alto Adige ha organizzato gli Alpine.expert days. Due i luoghi scelti per favorire il confronto tra istituzioni, enti e aziende e incentivare lo sviluppo delle competenze alpine: il 13 novembre infatti al NOI Techpark si sono svolti il convegno e delle tavole rotonde. Nel corso di questa prima giornata un centinaio di partecipanti ha accettato l’invito e analizzato i diversi aspetti dei piani e le tecnologie e i prodotti che possono innovarne l’uso presentati da Eurac Research e da alcune aziende specializzate che fanno parte della rete Alpine.experts coordinata da IDM: in.ge.na, Maccaferri Innovation Center, Yetitmoves c/o geoprobe e MAVTech. Il 14 novembre invece durante un sopralluogo a Chiusa 50 esperti hanno analizzato proposte, know-how e tecnologie utili per prevenire i danni naturali.

Le due giornate hanno sottolineato così la competenza altoatesina in questo settore: sono state trattate per esempio, delle best practices, le cooperazioni con la Libera Università di Bolzano e il mondo accademico in generale, l’uso del modello altoatesino in Islanda e un elemento cruciale come la comunicazione con la popolazione.