IDM Südtirol - Alto Adige

Innovation

Il futuro delle facciate

Ingegneri, progettisti, architetti, aziende e consulenti si sono incontrati a Bolzano in occasione della dodicesima edizione di “The Future Envelope”, conferenza nata all’interno del progetto FACEcamp. “Façades architecture construction engineering” – questo il significato dell’acronimo FACE, è un progetto Interreg italo-austriaco tra Alto Adige e Tirolo del Nord. Nato per supportare la cooperazione transfrontaliera e facilitare lo scambio di idee tra istituti di ricerca e aziende nel campo dei sistemi di facciata avanzati, il progetto ha l’obiettivo di sviluppare le competenze di ricerca e innovazione delle nostre imprese ed istituzioni attive in questo settore. Nel progetto FACEcamp, IDM si occupa di coordinare le attività di interazione e trasferimento di know-how verso le imprese del territorio, per aumentarne la competitività.

Durante la conferenza “The Future Envelope” gli esperti si sono posti domande sul futuro delle facciate e sulla loro costruzione. A cosa bisogna prestare attenzione quando viene realizzata una facciata, ma anche come si può rendere un edificio confortevole per l’uomo? Oltre all’efficienza energetica, al design e al rapporto tra costi ed efficacia, anche il comfort abitativo è infatti un elemento che ha preso piede nella progettazione degli edifici. Si parla di comfort visivo, termico, acustico. Quanta luce, quanto caldo e quali rumori e suoni sono solo alcuni degli aspetti a cui ingegneri e architetti devono prestare attenzione.

In occasione della conferenza sono stati inoltre presentati i risultati del corso di alta formazione Face3 – iniziativa sempre di FACEcamp – a cui hanno preso parte professionisti provenienti da ben sette diversi Paesi, dando un respiro internazionale alle lezioni. I partecipanti hanno approfondito le principali tematiche del settore legate ad esempio agli involucri leggeri e vetrati, alle normative e alla progettazione statica, acustica ed illuminotecnica di facciate complesse. Oltre alle ore in aula gli studenti hanno preso parte ad una study visit a Milano, dove hanno osservato da vicino alcune delle facciate più moderne, tra cui il famoso Bosco Verticale. Dalle tematiche trattate durante il corso sono nati dei project work, sottoposti poi alla valutazione di una giuria scientifica. Il vincitore? Marco Benedetti con il suo tool, che consente di effettuare l’analisi statica del vetro nell’involucro.

L’esito positivo del corso ha generato diverse richieste per diffondere il nostro know-how anche al di fuori dell’Alto Adige. Si è infatti da poco conclusa la “FACE Summer School”, una versione ridotta del corso Face3 organizzata su richiesta dell’ordine degli ingegneri di Catania e della Facoltà di Ingegneria Edile e di Architettura dell’Università di Catania. Questa esperienza ha così permesso di “esportare” le nostre conoscenze fino in Sicilia.

FACEcamp è coordinato da Eurac Research, in collaborazione con IDM Alto Adige e l’Università di Innsbruck.

Se volete saperne di più, date un’occhiata a questo breve video: https://youtu.be/hMEqPaSd6cw