IDM Südtirol - Alto Adige

Innovation

Costruire in legno: una scelta antica. Rivolta al futuro


Nella filosofia orientale compare spesso accanto ai quattro elementi originari – aria, acqua, terra e fuoco – comuni anche alla tradizione occidentale. Curvo o diritto, solido ma malleabile, il legno è il materiale principe d’ogni costruzione umana che ricerchi, anche oggi, un’armonia tra «dentro» e «fuori», tra il paesaggio e i modi dell’abitare.

La seconda edizione del convegno «Costruire in legno», tenutasi lo scorso 20 settembre presso il NOI Techpark di Bolzano e dedicata al tema degli edifici multipiano in legno, ha mostrato come il (ri)lancio dell’utilizzo del legno nell’edilizia urbana altoatesina costituisca una scelta capace di coniugare tradizione e innovazione. Nel corso della giornata si sono susseguiti interventi dei massimi esperti europei dell’edilizia in legno, che hanno presentato le ultime novità del settore e proposto diverse soluzioni per la realizzazione di costruzioni in legno multipiano. Si è parlato, inoltre, dei rischi rappresentati da agenti naturali (fuoco e acqua), delle sfide in fase di progettazione, prefabbricazione ed esecuzione, di cura del dettaglio e di efficienza energetica, di costi e ecosostenibilità del legno. In occasione del convegno è stata allestita anche una fiera a tema, in cui diverse aziende altoatesine operanti nel settore edilizio e del legno hanno avuto la possibilità di raccontare la propria attività e di fornire consulenze specialistiche a tutti gli interessati. La giornata si è conclusa con una tavola rotonda in cui gli esperti hanno dialogato con il pubblico sul tema del legame tra tradizione e nuove tecnologie nell’uso del legno in edilizia.

Verena Unterberger, Vicepresidente dell’Ordine degli Architetti e Presidente di arch.academy, si è detta piacevolmente sorpresa del successo del convegno e dell’elevato numero di partecipanti e ha sottolineato come, nonostante l’impiego del legno in Alto Adige stia significativamente aumentando, «è importante affrontare correttamente il tema dell’edilizia in legno, in quanto nel nostro territorio c’è ancora molta diffidenza nei confronti dell’uso di questo materiale per la costruzione di edifici di più grandi dimensioni». Perché ciò avvenga, secondo Tobias Demetz (della Aster s.r.l. di San Genesio, Campione regionale e Vicecampione del mondo dei falegnami), occorre che architetti e operatori del settore si assumano consapevolmente il compito di «orientare il singolo cliente alla scelta del legno come materia prima». Vera Leonardelli, Direttrice del dipartimento Business Development di IDM Alto Adige, ha inoltre sottolineato che la scelta del legno è «un passo nella giusta direzione della sostenibilità ambientale e economica» e la piattaforma ProRamus, un’iniziativa comune delle organizzazioni altoatesine del settore bosco-foresta guidata da IDM, fornisce un prezioso contributo in questo contesto.
Non meno affidabile (e, anzi, per molti versi, più affidabile) di altri materiali, Il legno porta infatti con sé il vantaggio di soddisfare tutti i requisiti ecologici indicati dalle politiche europee per la salvaguardia del pianeta e il controllo dei cambiamenti climatici; inoltre, consente di alimentare le filiere produttive locali, creando, così, opportunità di lavoro.