IDM Südtirol - Alto Adige

Call 2/2016 – i risultati

Fondo per le produzioni cinematografiche e televisive

Al 2° call del 2016 approvato il finanziamento a 9 nuovi progetti.

Sono stati resi noti i nomi dei nuovi progetti che riceveranno un finanziamento dal Fondo per le produzioni cinematografiche e televisive gestito dalla IDM - Film Fund & Commission dell'Alto Adige.
Dei 9 progetti, 5 sono italiani (di cui 2 altoatesini), 3 arrivano dalla Germania e 1 dall’Austria. In totale sono previsti circa 142 giorni di riprese in Alto Adige.

I. Finanziamento della produzione

1. Die Pfefferkörner und der Fluch der Berge (titolo di lavorazione)

Finanziamento500.000,00 €                                                                
ProduzioneLetterbox Filmproduktion (DE)
RegiaChristian Theede
SceneggiaturaDirk Ahner

Il giovanissimo trio di detective in erba (di cui fa parte la dodicenne Mia, la sua sorellina Alice di 9 anni e l’outsider Basti di 12) non ha fatto in tempo a concludere la sua ultima avventura sui tetti di Amburgo che già si trova davanti una nuova sfida. Mia riceve un messaggio dal suo amico altoatesino Luca (12 anni), che la mette in guardia dal recarsi con la loro scuola in Alto Adige come programmato. La ragazza pensa sia tutto uno scherzo e che Luca abbia di nuovo inventato una delle sue storie sulla “maledizione delle montagne”. Ma giunti in Alto Adige con la scuola, Mia e Basti si rendono subito conto che c’è davvero qualcosa di strano nella fattoria e nella casa vacanze della famiglia Gruber che li ospita.


2. Zweitland (titolo di lavorazione)

Finanziamento480.000,00 €                                                                
ProduzioneEcho Film Srl (IT) in co-produzione con SK Film- und Fernsehproduktionsgesellschaft GmbH (AT), Starhaus Filmproduktion GmbH (DE)
RegiaMichael Kofler
SceneggiaturaMichael Kofler

Alto Adige, 1961: Paul, introverso e dallo spiccato talento artistico, vuole lasciare l’Alto Adige per studiare all’Accademia di Belle Arti di Monaco, nonostante il malcontento del suo risoluto fratello maggiore Anton. Quando il coinvolgimento di Anton nella serie di attentati dinamitardi del gruppo separatista minaccia di essere scoperto, quest'ultimo deve fuggire in Austria. Improvvisamente Paul si trova addosso tutta la responsabilità di sostentamento della giovane famiglia di Anton. In paese le opinioni oscillano tra l’esaltazione e la condanna degli attentatori, mentre Anna, la moglie di Anton, non dimostra alcuna comprensione per l’attentato. Quando Paul passa l’ammissione all’Accademia, dovrà scegliere se tentare di realizzare il suo sogno di una carriera nel mondo dell'arte o se è più forte l'affetto che nutre per lei.  


3.
 Schlussrechnung (titolo di lavorazione)

Finanziamento250.000,00 €                                                                
ProduzioneAllegro Film GmbH (AT) in coproduzione con Lieblingsfilm GmbH (DE)
RegiaUmut Dag
SceneggiaturaPeter Probst

Il commissario Höllbacher è distrutto. Un prete si suicida dopo che il pubblico ministero Massimo Nicoletti lo aveva accusato di abuso sessuale davanti a tutti, ingiustamente. Höllbacher si sente responsabile di quanto accaduto e cade in depressione. La sua vecchia amica, Anna Thaler, ispettore capo di Merano, lo convince a raggiungerla nella sua tranquilla cittadina e di lavorare lì per lei. Höllbacher si trasferisce così a Merano, ma la pace non dura a lungo. L'amministratrice delegata di una banca austriaca e il direttore della filiale di Merano vengono uccisi a colpi di pistola in pieno giorno. La polizia sospetta un attacco di matrice terroristica e islamista, ma Höllbacher inizia a sospettare presto che si tratti invece di un omicidio con motivazioni personali. Oksana, la domestica di un albergo è in grado di fornire a Höllbacher indizi preziosi, così il commissario comincia a seguire le tracce del killer.


4. Mister Felicità (titolo di lavorazione)

Finanziamento200.000,00 €                                                                
ProduzioneCattleya (IT)
RegiaAlessandro Siani
SceneggiaturaAlessandro Siani, Fabio Bonifacci


5. 
Der heilige Berg (titolo di lavorazione)

Finanziamento     110.000,00 €                                                                
ProduzioneTempest Film Produktion und Verleih GmbH (DE)
RegiaReinhold Messner
SceneggiaturaReinhold Messner

Quattro alpinisti sono sulla parete ovest di Ama Dablam. Con tutta la sua violenza una valanga colpisce la cordata, distruggendo il sogno di questi quattro giovani neozelandesi di scalare per primi la parete Mingbo. Un morto e tre feriti rimangono aggrappati a un solo gancio, sotto di loro 1500 metri di abisso. Per le popolazioni indigene Ama Dablam è una montagna sacra e intoccabile e gli abitanti temono adesso la vendetta degli Dei. Organizzatore della spedizione è Peter Hillary, figlio del primo scalatore del Monte Everest Sir Edmund Hillary. Sarà proprio il padre a mettersi in viaggio per salvare il figlio in una spericolata azione in elicottero…



6. Verliebt, verlobt... vergeigt (titolo di lavorazione)

Finanziamento     100.000,00 €                                                                
ProduzioneDie Film GmbH (DE)
RegiaChristina Schiewe
SceneggiaturaDaniel Scotti-Rosin

Claudia, quarantenne, convince il figlio Oliver a celebrare il suo matrimonio con la coetanea Jade in Alto Adige. Claudia, d’accordo con gli sposi,  ha deciso per una cerimonia semplice e intima, sulla terrazza della sua bellissima  casetta. Poco prima dell'atteso momento, arriva però in Alto Adige Herb, il presuntuoso padre della sposa, intenzionato ad allestire per la sua unica figlia una cerimonia molto costosa. Dopo varie liti e scontri, che mettono a dura prova anche l’amore dei due futuri sposi, Claudia e Herb finiscono però con l’avvicinarsi. Fino a quando, senza preavviso, arriva la bionda Amanda, che presto si scopre non essere solo una cantante americana  ingaggiata da Herb per il matrimonio, ma anche la sua bambolina”. A questo punto non è più in pericolo solo il matrimonio di Oliver e Jade, ma anche l'affidabilità di Herb. Quest’ultimo dovrà decidere se continuare a fuggire dai suoi sentimenti…



7. Urban Divas (titolo di lavorazione)

Finanziamento     100.000,00 €                                                                
ProduzioneLüthje Schneider Hörl Film Gbr (DE)
RegiaNatalie Spinell
SceneggiaturaNatalie Spinell, Felix Hellmann

Dopo 7 anni di relazione, il ragazzo di Lou la lascia il giorno del suo 30esimo compleanno. Lou realizza all'improvviso che le sue ovaie invecchieranno esponenzialmente da quel momento in poi! Ha bisogno di un uomo, non importa come, non importa chi, ma ne ha bisogno subito. Ogni minuto è prezioso, se vuole conoscere il futuro padre di suo figlio e questo per Lou significa reinventarsi completamente. L’era dell’amore digitale, grazie alle “App da rimorchio”, potrebbe esserle di aiuto, ma in realtà rendono la cosa solo più difficile per una pantofolaia come Lou. Dopo un'avventura di una notte andata male, Lou si sente la donna più disperata al mondo. Che fare?


8. 
Oswald von Wolkenstein (titolo di lavorazione)

Finanziamento     30.000,00 €                                                                
ProduzioneVideocap (IT)
RegiaKlaus Romen
SceneggiaturaGerd Staffler

Il documentario racconta di Oswald von Wolkenstein, cavaliere, poeta,  cantastorie del tardo Medioevo e consigliere dell’imperatore tedesco. La prima personalità altoatesina di rilievo europeo.

II. Finanziamento della pre-produzione

1. Sole (titolo di lavorazione)

Finanziamento     20.000,00 €                                                                
ProduzioneKino Produzioni Srl (IT) in co-produzione con Méroé Films N.D. (FR)
Sceneggiatura e regiaCarlo Sironi

Ermanno passa i suoi giorni tra furtarelli e slot machine, in attesa di una svolta nella sua vita. Poi incontra Rada, donna incinta arrivata in Italia per dar via la sua bambina e iniziare una nuova vita. I due fanno finta di essere una coppia e decidono affidare la bambina al fratello di Ermanno, sterile e disposto a pagare per avere la figlia che lui e sua moglie non possono avere. Per procedere con l'adozione, Ermanno e Rada devono convincere tutti di avere una relazione. Vivere fianco a fianco fa loro scoprire l’attrazione, ma anche le reciproche debolezze. Rada aiuta Ermanno a uscire allo scoperto, ma anche lei è più fragile di quello che sembra. La bambina, Sole, nasce prematura e ha bisogno di essere allattata al seno prima di essere data via. Rada decide di restare fredda e negare il legame con la figlia. Un muro di silenzio si alza tra lei ed Ermanno, che inizia a prendersi cura della bambina come se fosse sua.